covid19generaleservizi

Come gestire i rapporti tra clienti e fornitori durante l’emergenza COVID-19

Nell'appuntamento di oggi vedremo insieme come gestire i rapporti con i propri clienti e fornitori durante questa crisi causata dal COVID-19. A livello legislativo non sono previste sospensioni dei pagamenti verso i fornitori. Lo stato infatti non può intervenire direttamente per regolare le relazioni tra singoli operatori privati nella gestione dei loro rapporti contrattuali. Ma allora quali sono gli strumenti alternativi che possono essere utilizzati durante questa emergenza? Continua la lettura di questo articolo e vediamo quali alternative possono essere utilizzate da un imprenditore in questi tempi di crisi. 

COVID-19: quali problemi per gli imprenditori nella gestione dei rapporti commerciali

La mancanza di liquidità causata dal COVID-19 può creare un effetto domino per cui, se un cliente non onora i propri debiti commerciali, l’effetto negativo si ribalta sullo stesso fornitore che a sua volta potrebbe trovarsi in difficoltà ad adempiere ai propri obblighi contrattuali e così via. In assenza di direttive da parte del Governo, la valutazione è rimessa direttamente nelle mani dell’imprenditore che deve valutare i rapporti con i propri fornitori in base alla storia che ha con essi, alla capacità della clientela di aver sempre adempiuto ai propri impegni contrattuali nel passato e chiaramente al potere contrattuale reciproco (che talvolta può portare a veri e propri giochi di forza).

 

Un primo step importante: comprendere il potere strategico di un proprio fornitore

Sarà fondamentale capire a livello strategico l’importanza che ha un fornitore nei nostri confronti. Comprendiamo quindi quali sono gli strumenti che l’imprenditore deve utilizzare per gestire la propria attività in questo periodo. Fare uno screening dei propri fornitori per comprendere la loro importanza e la capacità ad ottenere alcuni giorni di dilazione (che in taluni casi possono davvero dare un po’ di respiro alle proprie finanze).

 

Dove possiamo essere più elastici: come comportarsi per non perdere un  cliente

Un'attenta valutazione che deve essere fatta parallelamente anche verso i propri clienti. Risulta necessario comprendere dove siamo sicuri di concedere alcune dilazioni (anche per dare una mano in un momento di crisi) e dove invece bisogna porre più attenzione, in particolare a fronte di segnali poco sicuri anche prima della crisi.

 

Rivedere i propri processi aziendali: un'attività propedeutica per una buona ripartenza

Fare semplice attività di benchmarking: intesa come attività di controllo dei propri processi aziendali volta a comprendere le proprie perfomance e comprendere il proprio valore, avere un controllo sui costi. Essa andrebbe sempre fatta, ma ora potrebbe essere l’occasione per riscoprire il proprio business. Rivedere i propri processi aziendali e scoprire come contenere i costi evitando sprechi ma mantenendo sempre la propria qualità. Comprendere la capacità della nostra azienda di creare valore e liquidità anche di fronte a questo periodo difficile. Fare un’attività amministrativa che magari prima della crisi era difficile fare per motivi di tempo.

 

Coniugare il mercato locale con mezzi di innovazione tecnologica

Una crisi come questa cambierà sicuramente molte cose a livello economico: la riscoperta di una produzione locale, coniugata con strumenti tecnologici che oggi si sono rivelati fondamentali. Utilizzo di piattaforme online, strumenti web e vendita via internet anche per un mercato locale possono costituire un nuovo metodo di vendita anche per il futuro.

 

Quali altre soluzioni disponibili per gli imprenditori

Se il Governo da un lato non è potuto intervenire, sono state comunque previste a livello fiscale e finanziario alcune disposizioni volte ad aiutare le aziende in questo periodo, che dobbiamo attentamente valutare.

 

Finanziamento a 25.000 euro

Ricordiamo innanzitutto l’esistenza del finanziamento a 25.000 euro per le piccole e medie imprese. I tassi bassi del finanziamento, una copertura all 100 % e la quota capitale da pagare dopo due anni permettono di avere un po’ di liquidità per adempiere ai propri obblighi. Su di esso ci abbiamo già fatto un articolo specifico .

 

Sospensione di tasse e contributi

Ricordiamo inoltre le varie sospensioni a livello fiscale sia per le tasse che per i contributi per i mesi di aprile e maggio al ricorrere di determinati requisiti che abbiamo già trattato:
Iva, ritenute e contributi per il mese di marzo;
Iiva, ritenute e contributi per i mesi di aprile e maggio;
Imposta di bollo;
Contributi Enasarco;


Queste sospensioni permettono di poter pagare le tasse entro il 30 giugno (anche in più rate a partire da giugno 2020). Nel caso in cui siate professionisti o agenti di commercio potete anche chiedere la non applicazione della ritenuta d’acconto in fattura, che potrete poi versare più avanti entro il 31 luglio 2020. Tutte misure volte a dare un po’ di respiro e meno pressione fiscale durante questo periodo.

 

Aggiornamento del 20/4/2020: La gestione dei rapporti commerciali tra clienti e fornitori durante questa crisi

Aggiornamento del 20/4/2020: Sono previste sospensioni nel pagamento dei propri debiti verso i fornitori? No, non sono previste a livello legislativo sospensioni dei pagamenti verso i fornitori. Da una parte è logico cogliere questo punto di vista in quanto il governo non può intervenire per regolare i rapporti tra singoli operatori privati nella gestione dei loro rapporti contrattuali. La mancanza di liquidità causata dal COVID-19 infatti può creare un effetto domino per cui, se un cliente non onora i propri debiti commerciali, l’effetto negativo si ribalta sullo stesso fornitore che a sua volta potrebbe trovarsi in difficoltà ad adempiere ai propri obblighi contrattuali e così via. Quindi la valutazione è rimessa direttamente nelle mani dell’imprenditore che deve valutare i rapporti con i propri fornitori in base alla storia che ha con essi, alla capacità della clientela di aver sempre adempiuto ai propri impegni contrattuali nel passato e chiaramente al potere contrattuale reciproco (che talvolta può portare a veri e propri giochi di forza). Sarà fondamentale capire a livello strategico l’importanza che ha un fornitore nei nostri confronti. Comprendiamo quindi quali sono gli strumenti che l’imprenditore deve utilizzare per gestire la propria attività in questo periodo. Fare uno screening dei propri fornitori per comprendere la loro importanza e la capacità ad ottenere alcuni giorni di dilazione (che in taluni casi possono davvero dare un po’ di respiro alle proprie finanze). Valutazione che deve essere fatta parallelamente anche verso i propri clienti, comprendendo dove siamo sicuri di concedere alcune dilazioni (anche per dare una mano in un momento di crisi) e dove invece bisogna porre più attenzione, in particolare a fronte di segnali poco sicuri anche prima della crisi. Fare semplice attività di benchmarking: intesa come attività di controllo dei propri processi aziendali volta a comprendere le proprie perfomance e comprendere il proprio valore, avere un controllo sui costi. Essa andrebbe sempre fatta, ma ora potrebbe essere l’occasione per riscoprire il proprio business. Rivedere i propri processi aziendali, comprendere come contenere i costi evitando sprechi ma mantenendo sempre la propria qualità. Comprendere la capacità della nostra azienda di creare valore e liquidità anche di fronte a questo periodo difficile. Fare un’attività amministrativa che magari prima della crisi era difficile fare per motivi di tempo. Una crisi come questa cambierà sicuramente molte cose a livello economico: la riscoperta di una produzione locale, coniugata con strumenti tecnologici che oggi si sono rivelati fondamentali. Utilizzo di piattaforme online, strumenti web e vendita via internet anche per un mercato locale possono costituire un nuovo metodo di vendita anche per il futuro. Se il Governo da un lato non è potuto intervenire, sono state comunque previste a livello fiscale e finanziario alcune disposizioni volte ad aiutare le aziende in questo periodo, che dobbiamo attentamente valutare. Ricordiamo innanzitutto l’esistenza del finanziamento a 25.000 euro per le piccole e medie imprese. I tassi bassi del finanziamento, una copertura all 100 % e la quota capitale da pagare dopo due anni permettono di avere un po’ di liquidità per adempiere ai propri obblighi. Su di esso ci abbiamo già fatto un video specifico che vi condividiamo al seguente link: https://www.facebook.com/simonetticommercialista/videos/539258473657266/ . Ricordiamo inoltre le varie sospensioni a livello fiscale sia per le tasse che per i contributi per i mesi di aprile e maggio al ricorrere di determinati requisiti che abbiamo già trattato:• Iva, ritenute e contributi per il mese di marzo: https://www.facebook.com/simonetticommercialista/videos/1505857332914483• Iva, ritenute e contributi per i mesi di aprile e maggio: https://www.facebook.com/simonetticommercialista/videos/274803173535096/• Imposta di bollo: https://www.facebook.com/simonetticommercialista/videos/1728925330583323/• Contributi Enasarco: https://www.facebook.com/simonetticommercialista/videos/516318935912459/ Queste sospensioni permettono di poter pagare le tasse entro il 30 giugno (anche in più rate a partire da giugno 2020). Nel caso in cui siate professionisti o agenti di commercio potete anche chiedere la non applicazione della ritenuta d’acconto in fattura, che potrete poi versare più avanti entro il 31 luglio 2020. Tutte misure volte a dare un po’ di respiro e meno pressione fiscale durante questo periodo. Fondamentale secondo me è fare fin da ora una pianificazione finanziaria dei propri impegni che dovranno essere sostenuti. Infatti è prevista una sospensione di queste tasse e contributi che comunque dovranno essere pagati. Il pericolo è che l’imprenditore possa trovarsi a pagare tutto insieme un’elevata somma di imposte che potrebbero metterlo in difficoltà. Risulta quindi necessario comprendere gli impegni che dovranno essere onorati, in particolare a livello fiscale. Pianificare dunque le proprie risorse finanziarie in questo periodo risulta più che mai indispensabile. Il tutto per evitare rischi e pericoli di fronte al mancato pagamento dei propri tributi.

Pubblicato da Studio Simonetti Commercialisti su Lunedì 20 aprile 2020

 

Conclusioni

Fondamentale secondo me è fare fin da ora una pianificazione finanziaria dei propri impegni che dovranno essere sostenuti. Infatti è prevista una sospensione di queste tasse e contributi che comunque dovranno essere pagati. Il pericolo è che l’imprenditore possa trovarsi a pagare tutto insieme un’elevata somma di imposte che potrebbero metterlo in difficoltà. Risulta quindi necessario comprendere gli impegni che dovranno essere onorati, in particolare a livello fiscale. Pianificare dunque le proprie risorse finanziarie in questo periodo risulta più che mai indispensabile. Il tutto per evitare rischi e pericoli di fronte al mancato pagamento dei propri tributi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *